Quanti galli posso avere? Il rapporto aureo spiegato

Quanti galli posso avere? Il rapporto aureo spiegato
Wesley Wilson

Quanti galli dovreste tenere con le vostre galline?

Come vedrete, non esiste un numero perfetto o una regola da seguire, poiché ogni gregge è diverso.

Tuttavia, esistono alcune linee guida e regole che possono aiutarvi a prendere la giusta direzione.

Nell'articolo che segue vi daremo alcune idee sul numero perfetto, su cosa fare con i galli di riserva e su come mantenere l'armonia del gregge con i galli...

Qual è il rapporto perfetto tra gallo e gallina?

Il rapporto generalmente accettato è di 10 galline per 1 gallo.

Tuttavia il rapporto esatto per il vostro gregge dipenderà dalle razze particolari che avete e dal numero di galline che avete. .

Le razze leggere e attive (come i Leghorn e i Fayoumis) possono avere un rapporto gallina/gallo più alto (12:1): il motivo è che questi galli sono più attivi e saranno in grado di servire più galline grazie alla loro maggiore energia.

Alcune razze più miti, come i Silkies o gli Orpingtons, dovrebbero avere un rapporto più basso (1:6), per dare al gallo la possibilità di coprire adeguatamente le galline del suo gregge.

Razza Numero di galline Numero di galli
Standard 10 1
Leggero/Attivo 12 1
Morbido 6 1

Le galline possono subire gravi lesioni da un gallo troppo zelante, quindi tenetele d'occhio.

Se iniziano a evitare il gallo o se le loro piume sembrano malconce e lacerate, allora è il momento di fare una pausa in isolamento.

Mettere il gallo in un'area separata dalle galline per qualche giorno funziona molto bene: in questo modo le galline avranno una piccola pausa da lui e lui avrà la possibilità di ricaricare le batterie.

Sta a voi stabilire di quanta pausa hanno bisogno.

In genere almeno 3 giorni alla settimana dovrebbero essere sufficienti per far riposare le galline.

Ricordate anche che i giovani galli (cocker) sono più propensi a comportarsi in modo rude con le galline durante l'accoppiamento.

Indipendentemente dalla razza, quindi, per un piccolo si devono tenere più di 6 galline, perché se se ne tengono di meno è probabile che le galline si facciano male a causa del calpestio.

Ordine di distribuzione e rapporto tra i galli

Guarda anche: Anatra muta per principianti (Scheda completa per la cura)

Ci si potrebbe chiedere perché il numero di galli presenti in un gregge influisce sul loro comportamento.

Tutto ciò ha a che fare con l'ordine di priorità.

I polli hanno un sistema di organizzazione e gerarchia sociale noto come ordine di beccata.

Sebbene possa essere piuttosto complesso, abbiamo creato una versione semplificata per aiutarvi a capire dove il gallo si inserisce nel sistema.

L'ordine di priorità può essere suddiviso grossolanamente in tre relazioni:

  1. Da gallina a gallina
  2. Da gallo a gallo
  3. Da gallina a gallo

Aggiungendo o togliendo galli si riequilibra (o si sbilancia) l'ordine gerarchico.

Le galline più intelligenti e abili saranno in cima al gruppo di galline, mentre quelle più giovani, anziane e timide saranno in fondo.

Una gallina sale nella scala in base alla sua astuzia e alle sue capacità.

Una scala per galli è simile.

Il leader sarà al vertice e i suoi subordinati sotto di lui.

Se il gallo capo si ammala o inizia a non farcela, sarà sfidato da un uccello più giovane. Il vincitore di

Il rapporto tra gallina e gallo è più o meno lo stesso, tranne che per il fatto che il gallo comanda su tutti, mentre la gallina capo è il secondo in comando.

Le galline sono le più importanti e i galli secondari sono gli ultimi.

In natura i giovani galli verrebbero allontanati dal gregge per preservare il cibo e le altre risorse.

Quanti galli dovrei tenere?

Come regola generale, si dovrebbe tenere un solo gallo in un gregge.

Se volete tenere più galli, avete bisogno di più branchi o di un branco di soli maschi.

Guarda anche: Come si accoppiano le galline: la guida completa

Il numero esatto di galli da tenere sarà dipende dalla razza e dal numero di galline che avete.

Alcuni galli sono abbastanza tranquilli da tollerare la presenza di un altro maschio nella zona, ma solo se ci sono abbastanza galline.

Si noterà che il maschio dominante farà di tutto per impedire al gallo secondario di accoppiarsi con le sue signore. Il gallo subordinato può essere piuttosto subdolo nel cercare di accoppiarsi con le galline e spesso riesce ad accoppiarsi con un paio di galline.

Tuttavia, alcune razze non tollerano la presenza di altri galli nel gregge.

I Rhode Island Reds ne sono un buon esempio.

Hanno la reputazione di essere aggressivi durante l'accoppiamento (soprattutto se c'è un altro gallo nei paraggi).

Questo può portare a lotte che possono avere un esito molto negativo per l'uccello più debole.

Anche gli Easter Egger e gli Ameraucana in genere non giocano bene con gli altri maschi.

Una breve nota sui bantam.

Non date per scontato che un gallo bantam non attaccherà un gallo di dimensioni standard. Il mio bantam deve essere separato dal gallo standard perché combatterà (e vincerà) contro l'uccello più grande. Inoltre, più energia viene sprecata per combattere o fare la guardia al gregge, meno tempo il gallo trascorre ad accoppiarsi con le galline e a badare a loro - quindi la fertilità del gregge ne risente.

Se avete una razza che siete sicuri sia abbastanza docile da permettere ad altri galli di entrare nel gregge, introduceteli e teneteli d'occhio.

In generale, tuttavia, è meglio avere diversi branchi più piccoli nel cortile e tenere un gallo per branco.

È necessario delimitare le aree con recinzioni o recinti per separare chiaramente le greggi.

Consigli per tenere insieme i galli

È possibile una convivenza pacifica tra i galli, ma dipende soprattutto dai rapporti tra loro e dalla presenza o meno di galline.

Compagni di boccaporto

Galli che sono compagni di cova di solito stabiliscono il loro ordine di preferenza molto prima di diventare adulti.

In questo modo hanno evitato conflitti potenzialmente dannosi e hanno imparato ad accettare la loro posizione nella gerarchia.

A volte questo accade anche con i figli del capo gallo, che lo conoscono e lo accettano come leader, evitando così i conflitti. Tuttavia, alcuni giovani galli lo sfidano ancora: lui li rimette fermamente al loro posto.

Di solito si tratta di una scaramuccia di poco conto, ma se avete razze territoriali e aggressive questo può portare alla morte o a gravi lesioni del gallo.

Tappetini per scapoli e ammogliati

In natura i galli vivono armoniosamente in gruppi di scapoli: la cosa fondamentale è che non ci siano femmine in giro.

La stessa cosa può essere realizzata nel vostro giardino, se avete spazio sufficiente.

Avrete bisogno di un recinto e di un pollaio separati dalle galline.

Questi galli vanno molto d'accordo e non sembrano affatto preoccupati della situazione. La chiave per l'armonia è dare loro spazio sufficiente: ogni gallo dovrebbe avere almeno 3 metri quadrati di spazio per correre.

Dovrete anche dare loro delle cose da fare.

I mucchi di foglie, le pinatas di cavoli e i bagni di polvere sono tutti buoni espedienti per combattere la noia.

Una parola di cautela, però, in questo caso.

Una volta che il gallo è stato allontanato dal nido per più di 24 ore, non è consigliabile reintegrarlo perché si azzuffa.

Se dovete rimetterli insieme, usate una nuova pista e inserite prima il nuovo ragazzo e poi gli altri.

I giovani galli che hanno già messo le penne possono essere messi con i grandi e dovranno stabilire da soli l'ordine di priorità.

Intervenire solo se le cose si mettono male.

Greggi separati

L'opzione finale è quella di dare a ogni gallo il proprio gregge.

I recinti separati funzionano molto bene, oppure potete delimitare alcune aree del vostro terreno in cui ciascun gregge possa spaziare liberamente.

Questo metodo funziona bene quando si cerca di allevare alcune razze diverse.

Vantaggi dell'allevamento di galli nel proprio gregge

Con tutti i problemi legati all'allevamento dei galli, si potrebbe pensare: perché preoccuparsi?

Ci sono alcuni vantaggi nel tenere un buon gallo.

Innanzitutto, un buon gallo darà equilibrio al vostro gregge.

Il gallo impedisce che i piccoli battibecchi tra le galline si trasformino in qualcosa di più grande e si assicura che tutte le galline siano nutrite e abbeverate. Uno stormo di galline rimane unito e la gallina capo assume le funzioni di gallo, ma non sembra mantenere la stessa armonia di un gallo.

È un buon gestore di greggi.

In secondo luogo, fornisce sicurezza.

Alcuni galli daranno la vita per le galline.

Un buon gallo suona il richiamo d'allarme in modo forte e chiaro e dà al gregge il tempo di mettersi al riparo o di correre al riparo.

Se il pericolo è qualcosa di piccolo come un serpente o una donnola, alcuni galli lo attaccano e lo uccidono.

Un altro grande vantaggio di tenere un gallo è che si aggirerà per il cortile alla ricerca di gustose prelibatezze per le sue galline.

Quando li troverà chiamerà le sue signore

È sua responsabilità trovare cibo e acqua in natura e questo comportamento esiste ancora oggi nelle nostre greggi domestiche.

Infine, se volete allevare i vostri pulcini, avrete bisogno di un gallo che si accoppi con le galline.

Allevare i propri pulcini può essere molto più gratificante che acquistarli in negozio, soprattutto se a farlo è la gallina.

Domande frequenti

Quante galline per ogni gallo?

Un gallo nel fiore degli anni dovrebbe essere tenuto con 10-12 galline, ma se lo mettete in un branco di 20 o più galline le considererà comunque tutte sue e sarà possessivo nei loro confronti.

Per il rapporto esatto tra galline e galli, consultare la nostra tabella qui.

Non è consigliabile avere meno di quattro galline per un gallo, a meno che non sia recintato.

Quanti galli posso avere in un gregge?

Come regola generale, si dovrebbe tenere un solo gallo in ogni gregge.

Tuttavia, la risposta esatta dipenderà dalla razza del gallo e dal rapporto con gli altri galli.

Con le razze più docili il mio rapporto preferito è di 20 galline per 2 galli.

In questo modo si ottiene un buon equilibrio e si lascia alle signore un po' di tempo per sé.

Quante galline per ogni gallo per ottenere uova fertili?

Per produrre uova fertili, un gallo dovrebbe essere allevato con non più di 12 galline.

Se si supera questo limite, il paziente farà fatica a fecondare gli ovuli.

Se avete problemi di fertilità, ci sono un paio di cose da controllare.

  1. Gallo in età avanzata: se ha più di tre anni, potrebbe essere necessario sostituirlo con un gallo più giovane.
  2. Culo soffice: alcune razze (Wyandottes Golden Laced e Cochins) hanno un sedere soffice, quindi provate a tagliare un po' di piume eccessive per aiutare il gallo a trovare la strada.
  3. Gallo inesperto: migliorerà con la pratica, ma dovrebbe riuscire ad abituarsi entro i sei mesi di vita.

Sintesi

Molte persone considerano i galli una seccatura.

Sebbene ci siano molti galli cattivi in giro, è possibile trovarne di buoni.

Questo vale soprattutto se si alleva il proprio gallo.

Un buon gallo si prende cura delle sue galline trovando bocconcini, facendo la guardia e lanciando l'allarme ai predatori.

Se riuscite a mantenere un buon gallo per un paio d'anni, il vostro gregge beneficerà della continuità della leadership e, di conseguenza, anche voi.

Capire il suo ruolo nella cura del gregge vi aiuterà ad andare abbastanza d'accordo con lui.

Fateci sapere dei vostri galli nella sezione commenti qui sotto...




Wesley Wilson
Wesley Wilson
Jeremy Cruz è un autore esperto e un appassionato sostenitore delle pratiche agricole sostenibili. Con un profondo amore per gli animali e un particolare interesse per il pollame, Jeremy si è dedicato a educare e ispirare gli altri attraverso il suo popolare blog, Raising Healthy Domestic Chickens.Un autoproclamato appassionato di polli da cortile, il viaggio di Jeremy nell'allevamento di polli domestici sani è iniziato anni fa, quando ha adottato il suo primo gregge. Di fronte alle sfide di mantenere il loro benessere e garantire la loro salute ottimale, ha intrapreso un processo di apprendimento continuo che ha plasmato la sua esperienza nella cura del pollame.Con un background in agricoltura e una profonda comprensione dei vantaggi della fattoria, il blog di Jeremy funge da risorsa completa sia per i principianti che per gli esperti allevatori di polli. Dalla corretta alimentazione e progettazione del pollaio ai rimedi naturali e alla prevenzione delle malattie, i suoi articoli approfonditi offrono consigli pratici e una guida esperta per aiutare i proprietari di greggi ad allevare polli felici, resistenti e rigogliosi.Grazie al suo stile di scrittura accattivante e alla capacità di distillare argomenti complessi in informazioni accessibili, Jeremy ha costruito un fedele seguito di lettori entusiasti che si rivolgono al suo blog per consigli fidati. Con un impegno per la sostenibilità e le pratiche biologiche, esplora spesso l'intersezione tra agricoltura etica e allevamento di polli, incoraggiando il suopubblico a prestare attenzione al proprio ambiente e al benessere dei propri compagni pennuti.Quando non si prende cura dei suoi amici pennuti o non è immerso nella scrittura, Jeremy può essere trovato a difendere il benessere degli animali e promuovere metodi di allevamento sostenibili all'interno della sua comunità locale. In qualità di abile oratore, partecipa attivamente a workshop e seminari, condividendo le sue conoscenze e ispirando gli altri ad abbracciare le gioie e le ricompense dell'allevamento di polli domestici sani.La dedizione di Jeremy alla cura del pollame, la sua vasta conoscenza e il suo autentico desiderio di aiutare gli altri lo rendono una voce fidata nel mondo dell'allevamento di polli da cortile. Con il suo blog, Raising Healthy Domestic Chickens, continua a consentire alle persone di intraprendere i propri viaggi gratificanti di agricoltura sostenibile e umana.