Modi semplici per far scoppiare una gallina in cova (l'elenco completo)

Modi semplici per far scoppiare una gallina in cova (l'elenco completo)
Wesley Wilson

La primavera è arrivata, il che significa che è la stagione dell'allevamento dei pulcini!

Ciò significa che alcune galline inizieranno a covare.

Avere delle nidiate in giro può essere una benedizione, ma anche una seccatura. La covata può diventare infettivo e prima che ve ne accorgiate avrete un gruppo di galline in cova.

Quindi, cosa fare?

Far crollare una gallina in cova può diventare una battaglia di forza di volontà.

In questo articolo, quindi, condividiamo con voi tutti i metodi che conosciamo su come far scoppiare una gallina in cova.

Perché le galline diventano covate?

Prima di rompere una gallina in cova è necessario capire cos'è una gallina in cova e come identificarla correttamente.

Semplicemente una gallina di cova è una gallina che vuole covare i pulcini.

La covata è di natura ormonale.

Quando la luce del giorno inizia ad allungarsi e le temperature si riscaldano, si verifica un cambiamento ormonale nelle galline, il cui organismo riconosce che il periodo di riposo (inverno) è terminato e che è giunto il momento di covare e allevare i pulcini.

Guarda anche: Oltre 1.000 nomi di pollo: i nomi più popolari

L'aumento della luce provoca il rilascio dell'ormone prolattina dalla ghiandola pituitaria nel cervello. L'aumento di questo ormone provoca alcuni cambiamenti corporei per la gallina che si traduce nell'impulso materno.

A volte una gallina più anziana può avere dei cambiamenti ormonali e voler diventare anch'essa covata!

Questi signore anziane La mia Orpington è ben oltre la deposizione delle uova, ma si siederà sul nido o si prenderà cura dei pulcini in un batter d'occhio se la vera madre sembra disinteressata.

Per maggiori informazioni, leggete Gallina covata: tutto quello che c'è da sapere.

Come identificare le galline in cova

Come si fa a sapere se una gallina è in cova?

Ci sono alcune caratteristiche distintive racconta :

  • Vorrà stare da sola e reclamare una cassetta nido per sé.
  • Quando qualcuno si avvicina a lei, si gonfia e assume un'aria temibile e minacciosa.
  • Si strappa le penne del petto per foderare il nido di piume.
  • Mangia e beve rapidamente e poi torna di corsa al nido.
  • Può minacciare le altre galline di stare lontane, chiocciando o ringhiando continuamente.

6 modi sicuri per far scoppiare una gallina in cova

Esistono ancora metodi piuttosto crudeli per far cedere le galline in cova.

Non ricorrete mai a questi metodi.

Tutti i metodi che elenchiamo di seguito sono umani.

Alcune funzionano meglio di altre, ma dipende soprattutto dalla determinazione della gallina. Le setaiole detengono probabilmente il record di perseveranza nella cova, ma possono essere battute. Ci vuole solo molto tempo e pazienza.

Ecco sei modi per interrompere la covata:

6. Rimozione fisica

Questo semplice metodo consiste nel rimuovere la gallina dall'area del nido ogni volta che decide di deporre.

Come potete immaginare, questa diventerà rapidamente una battaglia di volontà.

Anche se può essere irritante o addirittura esasperante, non sta cercando di fare la difficile, è guidata dagli ormoni e non può fare a meno del suo comportamento.

Se la gallina è molto determinata ad ambientarsi, allora salterà di nuovo sul nido dopo che l'avrete spostata. Potrebbe fare un giro per il pollaio finché non ve ne siete andati e poi risalire: possono essere molto astute!

Dovrete controllare le cassette di nidificazione più volte al giorno e rimuoverla ogni volta.

Ho scoperto che questo metodo funziona per i principianti, poiché non sono ancora sicuri di ciò che vogliono.

Forse avete il tempo di fare una passeggiata in giardino con lei al sicuro sotto il vostro braccio (indossate dei guanti se è una pecorina). Provate a distrarla per farle cambiare idea su ciò che vuole fare. Il potere della suggestione può essere forte. Potete metterla in un posto dove si dà il caso che ci siano un sacco di leccornie.

Di notte, quando li chiudete, se è seduta su un nido, toglietela e mettetela su un trespolo.

Se è abbastanza buio, non troverà la strada per tornare al nido durante la notte.

Questa situazione può durare diversi giorni, quindi se la pazienza è esaurita o se non riuscite a tenerla lontana dal nido, dovrete migliorare il vostro gioco .

5. Materiale di nidificazione

L'idea di questo passo è abbastanza semplice ma sorprendentemente efficace.

È necessario rimuovere il materiale di nidificazione dalle scatole.

Quando si depone un uovo, molte galline non si preoccupano del materiale per il nido, ma quando si costruisce un nido per allevare i pulcini la lettiera diventa molto importante.

I materiali per la nidificazione aiutano a proteggere e a riscaldare i pulcini nei loro primi giorni di vita. L'isolamento fornito dai materiali, insieme alle piume spennate della madre e al calore corporeo, li tiene al caldo.

Rimuovendo tutto il materiale di nidificazione si privano i pulcini di buone possibilità di sopravvivenza; la gallina lo sa e può abbandonare il tentativo di nidificazione.

4. Immersioni a freddo

Quando una gallina è in cova, il suo ventre e il suo addome si riscaldano.

Il raffreddamento di quest'area può far crollare una gallina in cova.

Questo rimedio si concentra sul tentativo di raffreddare il ventre e l'addome.

Per raffreddare la gallina, si può mettere sotto di essa una bottiglia d'acqua ghiacciata o un sacchetto di cubetti di ghiaccio.

Non posso certo immaginare di stare seduta su una borsa di cubetti di ghiaccio per molto tempo, ma se è molto testarda potrebbe continuare a stare seduta. Se continua a stare seduta sul ghiaccio per più di trenta minuti, mi preoccuperei un po' per un possibile congelamento della pelle.

Un altro metodo per rinfrescarla è quello di farle fare frequenti bagni freddi.

Questo è un po' meglio dei cubetti di ghiaccio.

È sufficiente estrarla dal nido (se necessario, indossare dei guanti) e immergerla in un bagno d'acqua fredda. L'addome deve essere immerso nell'acqua. Lasciarla riposare per cinque o dieci minuti prima di farla uscire. Se è una bella giornata calda, non è nemmeno necessario asciugarla.

Se il tempo è freddo, non utilizzare questo metodo.

3. Accesso solo mattutino

Se i primi tre metodi non hanno funzionato, è necessario diventare più severi!

Dovrete aspettare ogni mattina che tutti abbiano finito di deporre le uova, quindi prendere la covata, metterla fuori dalla stalla e chiuderla a chiave in modo che nessuno possa entrare.

Questo può essere difficile da fare se avete molte galline che depongono in tempi diversi, ma se avete un piccolo gregge e tutte depongono più o meno alla stessa ora, può essere fatto facilmente.

La gallina in cova può camminare per un po', chiocciando e brontolando in continuazione (è difficile non ridere), ma alla fine si tranquillizzerà.

Dovrete farlo per almeno qualche giorno, finché non si renderà conto che non avete intenzione di arrendervi.

Se sembra essersi ambientata nella vita all'aperto e non sembra voler tornare ad essere una nidiata, tutto va bene. Ma se scompare per periodi di tempo, dovreste osservarla da vicino: potrebbe aver trovato un'area esterna in cui fare il nido.

Quelle galline sanno essere molto abili!

Se ha trovato un posto all'esterno per deporre le uova, è necessario rompere il nido. È possibile che si debba ricorrere all'ingabbiamento della gallina (per saperne di più).

2. Chiusura

Si tratta di una versione più estrema del metodo 3.

In questo caso, la zona di nidificazione deve essere chiusa completamente per diversi giorni, il che significa che le galline non possono accedere al pollaio se non per appollaiarsi di notte.

Naturalmente questo è un fastidio per le altre galline, ma è sicuro che terrà le galline in cova lontane dalle cassette di nidificazione.

Questo è molto più facile da fare se avete un piccolo gregge, perché si adatteranno rapidamente: potrebbero brontolare, ma si adatteranno.

È sufficiente rimuovere la gallina in cova dalla cassetta nido e chiudere l'ingresso.

Un pezzo di cartone fissato con il nastro adesivo o con la puntina funziona bene.

Assicuratevi solo che la copertura sia ben fissata, perché cercherà di rientrare in il suo spazio per riprendere l'impostazione.

Dovrete creare un'area di nidificazione temporanea per le altre galline. Una cassa del latte o anche una scatola di cartone funzionerà bene come nido temporaneo per loro. La vostra gallina in cova sarà così concentrata sul suo nido scelto e sul suo rientro, che non farà caso al nuovo nido.

Dopo qualche giorno avrebbe dovuto perdere interesse a rimuginare.

Se dopo qualche giorno è ancora in cova, allora dovete provare un altro modo per farla cedere.

1. La gabbia

Anche se non è il caso di tutti preferito è il metodo più efficace.

L'idea è di tenere la gallina isolata in un ambiente in cui non possa nidificare.

Per questo metodo è necessario utilizzare una gabbia per polli o qualcosa di simile.

Qualunque sia la gabbia utilizzata, deve consentire la circolazione dell'aria.

Guarda anche: 10 modi migliori per evitare che l'acqua del pollo si congeli

Una volta che la prigione è pronta, è sufficiente mettere la gallina all'interno con cibo e acqua. La luce, la circolazione dell'aria fresca e l'assenza di lettiere servono a dissuaderla dal cercare di ambientarsi. Datele cibo e acqua e fatele anche un po' d'ombra.

Se il vostro recinto è completamente a prova di predatore, potete lasciarla lì nella sua gabbia durante la notte.

Tuttavia, se non siete sicuri che la gabbia sia a prova di predatore, potete metterla nel pollaio con le altre galline di notte per sicurezza.

La durata del confinamento può variare da gallina a gallina, ma è ragionevole iniziare con un confinamento di due giorni.

Dopo qualche giorno, potete metterla al centro delle attività degli altri, non dovrà più stabilire il suo posto nell'ordine di importanza.

Potrebbe essere necessario ripetere il trattamento un paio di volte prima di ottenere la covata.

Questo funzionerà nella stragrande maggioranza dei casi, ma c'è una gallina occasionale che resiste a tutto ciò che le viene proposto: cosa fare allora?

Francamente, se la gallina è così determinata e sta bene, la lascerei covare.

Sintesi

Speriamo che questo articolo vi abbia dato qualche idea su come far scoppiare la vostra gallina in cova.

Ricordatevi che la vostra gallina non sta cercando di fare la difficile: è solo una questione ormonale e non ha scelta!

C'è una piccola percentuale di galline che non si lascia abbattere.

Francamente è più facile trovare un paio di uova schiudibili e metterle sotto di lei che continuare la lotta per settimane.

Per riuscire a fermare una gallina in cova è necessario cercare di catturarla all'inizio della covata, mentre è molto più difficile quando si è insediata da qualche giorno.

Infine, ricordate che la cova richiede una grande quantità di energia alla gallina, quindi assicuratevi di prendervi cura di lei.

Assicuratevi che riceva un'alimentazione di qualità. Se si sente un po' magro durante la sua prova, provate a rimpolparlo con qualche bocconcino proteico in più (vermi o uova strapazzate). Potete anche aggiungere vitamine ed elettroliti all'acqua, soprattutto se fa molto caldo.

Se uno di questi metodi vi ha aiutato a far scoppiare la vostra gallina in cova, fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto...




Wesley Wilson
Wesley Wilson
Jeremy Cruz è un autore esperto e un appassionato sostenitore delle pratiche agricole sostenibili. Con un profondo amore per gli animali e un particolare interesse per il pollame, Jeremy si è dedicato a educare e ispirare gli altri attraverso il suo popolare blog, Raising Healthy Domestic Chickens.Un autoproclamato appassionato di polli da cortile, il viaggio di Jeremy nell'allevamento di polli domestici sani è iniziato anni fa, quando ha adottato il suo primo gregge. Di fronte alle sfide di mantenere il loro benessere e garantire la loro salute ottimale, ha intrapreso un processo di apprendimento continuo che ha plasmato la sua esperienza nella cura del pollame.Con un background in agricoltura e una profonda comprensione dei vantaggi della fattoria, il blog di Jeremy funge da risorsa completa sia per i principianti che per gli esperti allevatori di polli. Dalla corretta alimentazione e progettazione del pollaio ai rimedi naturali e alla prevenzione delle malattie, i suoi articoli approfonditi offrono consigli pratici e una guida esperta per aiutare i proprietari di greggi ad allevare polli felici, resistenti e rigogliosi.Grazie al suo stile di scrittura accattivante e alla capacità di distillare argomenti complessi in informazioni accessibili, Jeremy ha costruito un fedele seguito di lettori entusiasti che si rivolgono al suo blog per consigli fidati. Con un impegno per la sostenibilità e le pratiche biologiche, esplora spesso l'intersezione tra agricoltura etica e allevamento di polli, incoraggiando il suopubblico a prestare attenzione al proprio ambiente e al benessere dei propri compagni pennuti.Quando non si prende cura dei suoi amici pennuti o non è immerso nella scrittura, Jeremy può essere trovato a difendere il benessere degli animali e promuovere metodi di allevamento sostenibili all'interno della sua comunità locale. In qualità di abile oratore, partecipa attivamente a workshop e seminari, condividendo le sue conoscenze e ispirando gli altri ad abbracciare le gioie e le ricompense dell'allevamento di polli domestici sani.La dedizione di Jeremy alla cura del pollame, la sua vasta conoscenza e il suo autentico desiderio di aiutare gli altri lo rendono una voce fidata nel mondo dell'allevamento di polli da cortile. Con il suo blog, Raising Healthy Domestic Chickens, continua a consentire alle persone di intraprendere i propri viaggi gratificanti di agricoltura sostenibile e umana.